Close

Divagazioni

Namuth e Pollock nel 1951

pollock-namuth

Secondo Clement Greenberg l’importanza dei quadri di Jackson Pollock e di un po’ tutto l’espressionismo astratto risiede nell’aver ribaltato tutto in superficie, lasciando così che il quadro, perdendo la dimensione di profondità guadagnasse una terza dimensione tutta interna ed emotiva. Adesso il quadro andrà guardato con movimenti dell’occhio verso l’alto, […]

Read More

Maya Derren vs Le streghe

maya

La visione prende spunto dall’installazione di Duchamp preparata per l’allestimento dell’Esposizione Surrealista del 1942 a New York e composta da sedici miglia di corda, che tanto aveva colpito Maya Derren. Tuttavia l’artista ne fa surrealmente composizione personalizzata. Si allontana dalla suggestione-ragnatela-labirinto-ostacolo di Duchamp per approcciarsi ad un nuovo senso di […]

Read More

Nadar e la fotografia degli spettri

Balzac

Nel 1900 venne pubblicato un libricino di ricordi di Gaspard-Félix Tournachon, meglio conosciuto come Nadar, intitolato Quand j’etait photographe, in cui egli (che ancora era fotografo) sembra soffermarsi più sugli effetti dell’apparire della fotografia nei suoi contemporanei che sugli aspetti propriamente tecnici del fenomeno In particolare notiamo una bizzarra dichiarazione. […]

Read More

Dots di Norman McLaren

FIG-11-Dots-Norman.-McLaren-1940

“Nel mio rapporto con il film ho sempre cercato di conservare la stessa vicinanza e intimità esistente tra il pittore e la sua tela. Ciò è abbastanza difficile da realizzare nel cinema poiché quel che separa il pittore dal risultato finale è solo un bastoncino di legno con un ciuffo […]

Read More

Rivedendo La Casa Muda

lacasamuda

La casa muda è un film horror uruguaiano del 2010 diretto da Guastavo Hernandez. Rivedendolo mi sono messo a pensare a Nodo alla gola, The rope, di Hitchcock. Probabilmente a causa del piano sequenza unico, della durata di tutto il film. Anche se in realtà pare siano due piani sequenza. […]

Read More

I Video-Diari di Jonas Mekas

Jonas-and-Fred-Astaire

I video-diari di Jonas Mekas iniziano e non finiscono mai. Non vanno considerati solo come scorci rappresentativi, racconto di qualcosa, testimonianza della vita, di una storia (diari). Nemmeno soltanto come operazione artistica estetica tout court, sebbene operazione artistica sia. Entrambi i fattori camminano in un pensiero peculiare. La forma è […]

Read More