Close

09/04/2019

From… To Silvia Bottero Solo Exhibitions – di Carlotta De Martino

WhatsApp Image 2019-04-03 at 18.19.02

RUFA SPACE
Via degli Ausoni, 7a/7b
Opening 12.04.2019 ore 16,30

Seguire l’andamento delle parole, esplorarne il significato, andare oltre l’inchiostro, oltre il suono di una voce. Conferire al dialogo un’importanza che permetta di connettere la parola al gesto da cui parte. Silvia Bottero agisce con urgenza seppur preservando delicatezza e cura.
Nel mare di parole da cui siamo sommersi, prerogativa dell’agire artistico di Silvia è esaltarne la bellezza, distinguerne le diverse forme, dar loro ordine per arrivare in profondità. Le forme cambiano in base al tempo e allo spazio in cui viaggiano, diventano preziose in base alla cura che si presta loro.
Le parole sono suoni. Fuggono ma rimangono impresse. Hanno un peso sempre relativo, con variabili che cambiano. Parlano di stati d’animo, parlano in base ai contesti, mutano significato. Si muovono su quello che rovesciamo al loro interno, alterate da ansia o trepidazione, da quello che avremmo voluto dire o da quello che abbiamo purtroppo detto. Ne va assaporato il peso e la leggerezza, la spontaneità e il timore. Sono uno scambio continuo di pesi e materia invisibili. Allontanano e riavvicinano. Sono lame e sono disinfettanti. Sanno dare importanza a ciò che rimane, creando, con la loro assenza, silenzi colmi di rumore. Densi silenzi che creano qualcosa. Silvia sa stupirsi, e riparte da lì.
“From… To” è una ricerca di dialogo da un mittente sconosciuto al destinatario che legge. Si sofferma sulla forma della parola, che sembra, in realtà, non avere forma. La assume però, e si trasforma in materia mentale. Viaggia e si riflette all’interno di un contenitore che la preserva e la protegge.
Silvia mostra di conoscere con accortezza le forme che le parole possono assumere. Si parte da questo per poi spostarsi lì dove un suono, o un alito, o l’inchiostro stesso diventano altro. Si pone un reale accento all’ossimoro che costituiscono: è un fiato che ha un peso, relativo e percepito.
La parola è contenitore estetico di un significato, ed è composta da quel silenzio a cui lascia spazio per esistere come altro da sé. Ed è lo stesso denso e corposo silenzio che le permette di comunicare e viaggiare da qualcuno, a qualcun altro. From… To.