Close

21/09/2018

Conversazione con Pier Paolo Bandini – DOODLEIT TABLET – Un progetto serio di parodia

new_logo

Il progetto Doodleit è composto da Doodleit Picture e Doodleit Tablet. Due serie di opere che guardano la stessa prospettiva da diversi punti di vista.
Doodleit Picture è l’opera madre. Un lavoro che mira a gettare la luce in una zona d’ombra. Una cosa seria.
Doodleit Tablet è una diramazione parodistica. Una stravaganza caricaturale assoluta. Una burla.
L’opera originaria, enigmatica, si concilia con il silenzio e la riflessione. La propaggine farsesca gioca con il chiasso di una montatura pubblicitaria. Corroborata da un video promozionale e gadget accessori.
(…)
L’opera si compie in due fasi distinte: un fare istintivo e una strutturazione ragionata.
Doodleit Tablet nasce dal piacere di sdrammatizzare il fallimento di un’opera d’arte. La sdrammatizzazione si veste da parodia. L’oggetto parodiato è l’opera Doodleit Picture. Focalizzata nel suo elemento centrale: il disegno gestuale e le sue implicazioni.
In Doodleit Picture il vissuto fallimentare è letteralmente trascritto sulla superficie di una tela. Il disegno gestuale, montato su tavolette di plexiglass, è sovrapposto ad essa. Questo è composto da un’articolata elaborazione grafica. Non immediatamente  decifrabile. Richiede una raccolta concentrazione per decodificarla. Soprattutto, nel contesto dell’opera, assume la proprietà liberatoria di superare il senso di afflizione mediante la pratica del “leggere attraverso”.

Qual’è nel tuo lavoro il confine (ammesso che ci sia) in cui termina la parodia e si concilia con il lavoro artistico tout court, ovvero cosa intendi per “una parte seria” e “una parte parodistica”?

Doodleit Picture è la parte ‘seria’ perché è un’opera costruita sull’esperienza di un fallimento. Il mancato raggiungimento di un obiettivo a cui tenevo molto: diventare un’artista famoso in breve tempo. Mi rendo conto che tale obiettivo era permeato da un’abbondante dose di irrazionalità, tuttavia in questo ho creduto ed investito le mie risorse. Con esito negativo.
Doodleit Tablet é invece smaccatamente una caricatura. Un’esasperazione parodistica dell’elemento centrale di Doodleit Picture: il disegno gestuale e le sue implicazioni. Tuttavia in Doodleit Tablet, nella sua dimensione giocosa, c’è della verità. Infatti smaschera certi significati astrusi attribuiti a Doodleit Picture. Cosi Doodleit Tablet, fondato sulla burla, in qualche modo appare più “serio’ di Doodleit Picture. I confini si confondono.

Vedo che usi spesso il grottesco e ingigantisci i temi, cercando però di creare al contempo un lavoro effettivo che cerca una sua solidità. Cosa significa per te lavorare attorno ad un tema?

Lavoro attorno a delle tracce, poi la cosa prende corpo ed emerge un possibile tema. A questo dedico solo le necessarie riflessioni che mi aiutano a sviluppare il lavoro. Nulla di più. Il tema in se non mi interessa. Posso starci dentro e uscirne come mi pare toccando altri contenuti. Per esempio in questo lavoro, incuriosito dal gesto di scarabocchiare i testi che mi capitavano tra le mani, ho elaborato il tema del fallimento. E’ seguita la realizzazione di Doodleit Picture. Durante la fase di esecuzione mi sono soffermato su un’ulteriore argomento: l’attribuzione di significati sibillini ad un’opera d’arte. Ho quindi innestato in Doodleit Picture il ‘germe concettuale’ per poterlo parodiare con Doodleit Tablet. Doodleit Picture si è prestato come agnello sacrificale per smitizzare certe pretese speculative che sviliscono l’arte contemporanea: l’usanza di aggiungere ad un’opera significati di estranea provenienza con lo scopo di renderla più interessante. Come vedi vivo il tema come un contenitore con tante porte girevoli da percorrere a piacimento. Altrimenti sarebbe un compito noioso.

DOODLEIT PICTURE 

We Throw A Party To Celebrate Our Longtime Friendship

 

I Am Looking For New Sneakers

 

DOODLEIT TABLET

Failed To Fulfill Small Daily Goals

 

Failed To Avoid The Financial Crack