Close

14/09/2016

Arte e decrescita. Silvia Bordini

Nell’autunno 2009 i colleghi Lorraine Verner (Ecole supérieure d’arts de Rueil-Malmaison) e Roberto Barbanti (Université Paris8, Vincennes-Saint Denis), mi hanno invitato a partecipare a un progetto di ricerca e di attività didattica interdisciplinare riguardante le relazioni tra arte, filosofia, ecologia, secondo le linee di un documento fondativo così formulato: Il mondo dell’arte nel mondo. Il mondo nel mondo dell’arte. Come si colloca l’arte nel processo generale della crisi ecologica? Come può contribuire ad analizzarla? Quale è il ruolo dell’arte in questa crisi? Qual’è l’apporto dell’arte alla sua “risoluzione”? In che modo l’arte si unisce alla pratica del mondo in questo contesto? Sotto quali forme l’arte vi si presenta? Dove incontrarla? In che modo la crisi ecologica influenza l’arte? In quali direzioni questa crisi orienta l’arte? E quale è il senso di questa crisi nell’arte? Come interpretare l’arte alla luce di questa crisi? (1)

(1)(Le monde de l’art dans le monde. Le monde dans le monde de l’art. Comment l’art s’inscrit-il dans le processus général de la crise écologique ? Comment l’art peut-il contribuer à l’analyser? Quel est le rôle de l’art dans cette crise? Quel est l’apport de l’art à sa « résolution »? Comment l’art rejoint-il notre pratique du monde dans ce contexte? Sous quelles formes l’art s’y présente-t-il ? Où le rencontrer ? Comment la crise écologique influence l’art ? Dans quelles directions, cette crise l’oriente-t-il ? Et quel est le sens de celle-ci dans l’art ? Comment interpréter l’art à la lumière de cette crise ? Un punto di riferimento importante è F. Guattari, Les trois écologies , Galilée, Paris 1989. Cfr R. Barbanti, S. Bordini, L. Verner, Art, paradigme esthétique et écosophie, in corso di pubblicazione sulla rivista Chimères)

Questi temi sono stati trattati a livello teorico e didattico, inaugurando un’importante esperienza di condivisione e scambio tra istituzioni, studenti e docenti, in particolare nell’ambito dei corsi di Verner e Barbanti. Con il coinvolgimento di artisti e studiosi di varie discipline sono stati inoltre organizzati vari incontri (2). In tale contesto – e partendo dallo specifico di un’indagine sulla varietà di modi e dispositivi con cui gli artisti hanno percepito e definito il “paesaggio”, sia nelle pratiche delle loro esperienze, sia a livello teorico – ho avuto modo di interrogarmi su come l’arte contemporanea interagisca attualmente con la nozione generale di impegno “ecologico” e come questo avvenga per il tramite di istituzioni espositive. Prendendo in considerazione le principali mostre dedicate a questi temi in Europa nell’ultimo decennio del nostro secolo mi sono posta ad analizzare i modi con cui l’attuale mondo dell’arte ha acquisito, rielaborato e divulgato – e anche strumentalizzato – le istanze ambientaliste. (3)

(2)« Paysage et identité », all’École supérieure d’arts di Rueil-Malmaison, 16 dicembre 2009 ; « Expérience de paysage(s) », all’ESARM, 13 gennaio 2010 ; « Expérience de paysage(s). Pratiques et pensées écosophiques », all’Università Paris 8, 5 maggio 2010 ; « Art et écosophie », all’INHA, 30 ottobre 2010 ; « Art et écosophie encore un effort », con la direzione di Roberto Martinez, all’INHA, 12 febbraio 2011 ; inoltre la partecipazione al Colloque International «Ecosophie», , Parigi, Université Nanterre e INHA, 16-18 marzo 2011, a cura di Manola Antonioli.

(3) Greenwashing. Ambiente: pericoli, promesse e perplessità, a cura di Ilaria Bonacossa e Latitudes – Max Andrews & Mariana Cànepa Luna, Torino, Fondazione Sandretto Re Rebaudengo, 8 febbraio–18 maggio 2008; Terre Natale. Ailleurs commence ici, a cura di Raymond Depardon et Paul Virilio, Fondation Cartier, Paris, 21 novembre 2008-15 marzo 2009; Green Platform. Arte, Ecologia, Sostenibilità, a cura di Lorenzo Giusti et Valentina Gensini, Firenze, Palazzo Strozzi, 24 aprile-19 luglio 2009; Radical Nature, Art and Architecture for a Changing Planet,1969-2009, a cura di Francesco Manacorda, Barbican Art Gallery 19 giugno-18 ottobre 2009; Earth: art of a changing world, Royal Academy, London, a cura di Kathleen Soriano, Daniel Buckland (dir. Cape Farewell), Edith Devaney. 3 dicembre 2009-31 gennaio 2010; Trasparenze. L’arte per le Energie rinnovabili, a cura di Laura Cherubini, Roma, Macro Testaccio, 2 luglio- 22 agosto 2010. Cfr S. Bordini, Appunti sul paesaggio nell’arte mediale, Postmedia, Milano 2010, pp. 47-57.

In queste mostre vari artisti – a volte gli stessi – evidenziano il deterioramento profondo del rapporto tra esseri umani e natura, mostrando e raccontando l’inquinamento, il surriscaldamento, il saccheggio delle risorse, la deforestazione e altre catastrofi. Uno sguardo su questi interventi e sulle strutture istituzionali che li supportano, concorre a mettere a fuoco uno specifico trend dell’identità dell’arte, in una zona di relazioni complesse tra natura e cultura. Tenendo presente che il sistema dell’arte, con le sue leggi di mercato e la complessa dialettica tra gallerie, critici, collezionisti, sponsor e musei, è fortemente condizionante e produttore di consenso, ma anche che l’arte conserva pur sempre una fondamentale attitudine critica, la potenzialità di proporre domande e dubbi, mettendo implicitamente a confronto estetica e etica. Con una peculiare capacità di stare sul filo delle trasformazioni dei linguaggi (dalla pittura al digitale, ecc.), l’arte visiva riesce sempre a inventare qualcosa, a dire, a far circolare delle idee, e – importante – a far pensare e a far immaginare. Non tanto il “nuovo” (altro codice usurato) quanto piuttosto il diverso, il differente, al di là dei sistemi determinati, accogliendo e elaborando interrogativi e contraddizioni nelle pieghe e nelle fessure del sistema stesso: perché spesso dalle fessure entra una luce molto viva e tagliente, e dalle crepe di un mondo cementificato vengono fuori piante resistenti e “vagabonde”.

A mio avviso, inoltre, le riflessioni su questi rapporti tra artisti e sistema e sulle potenzialità critiche dell’arte introducono implicitamente ad un discorso sulla possibile relazione tra arte e “decrescita”.

La decrescita è una teoria economica che tenta di lanciare una critica radicale allo sviluppo e di definire gli elementi di un progetto alternativo, una logica diversa: non una crescita negativa né un arcaismo utopico, ma un riequilibrio diverso tra produzione e consumo “per ridare spazio all’inventiva e alla creatività dell’immaginario bloccato dal totalitarismo economicista, sviluppista e progressista”. (4)

(4) S. Latouche, Petit traité de la décroissance sereine, Paris, Mille et une nuits, 2007, trad. it., Breve trattato sulla decrescita serena, Torino, Bollati Boringhieri 2008, p. 18-19

Dunque il concetto di decrescita può essere interpretato come un progetto culturale e non unicamente economico. Un progetto che implica un’opposizione alle forze di produzione e allo sfruttamento delle risorse naturali, all’aumento forzato della produzione, agli sprechi, all’inquinamento, al consumo; e che riguarda anche e soprattutto la messa in discussione del livellamento culturale e della standardizzazione dell’immaginario, chiamando la collettività a inventare e realizzare cambiamenti di abitudini, mentalità e comportamenti, sia soggettivi sia collettivi.« Decolonizzare l’immaginario » e mirare a « un reincanto del mondo», come scrive Serge Latouche. (5)

(5) S. Latouche, Breve trattato cit, p. 123 e S. Latouche, Survivre au développement. De la décolonisation de l’imaginaire à la construction d’une société alternative, Paris, Mille et Une Nuits, 2004.

 

Sembra ovvio che l’arte potrebbe avere un ruolo in queste ipotesi, come dispositivo di analisi e di comunicazione, di sensibilizzazione e di denuncia nei confronti dei codici consumistici dominanti. Per rendersi conto, inoltre, dei meccanismi del potere in cui anche l’arte (e in generale la cultura) è implicata, e “inquinata” , e poterli evitare e contrastare nei limiti del possibile. Anche l’arte infatti ha bisogno di decrescita; se le sue modalità di produzione sono ancora legate alla soggettività dell’artista, le modalità di valutazione, diffusione e fruizione sono all’interno della logica del mercato e del consumo, regolate come un’operazione finanziaria.

Va notato che il paradigma arte-decrescita sta avendo una certa diffusione negli ultimi anni, nell’ambito di situazioni votate a modelli di comportamento eco-sostenibili. Piccole comunità, associazioni militanti, centri sociali, laboratori autogestiti, gruppi e più raramente singoli artisti inseriscono periodicamente nell’ambito delle proprie iniziative un’arte della decrescita legata all’idea di una creatività diffusa e condivisa, libera dai vincoli tradizionali del sistema. Il ricorso a materiali naturali, al riciclo e al riuso, alla produzione e gestione collettiva, sono caratteri comuni ed esprimono in genere una forte carica di motivazioni etiche, ecologiche e, al loro interno, anche estetiche. (6)

(6)

A titolo di esempio riporto qui gli indirizzi di alcuni siti internet che trattano di arte e decrescita:

Arte Entropia Zero

Comunità provvisoria

De-Art Istituto Italiana Cultura Ljubljana

Ma se il clima di queste attività è decisamente interessante (anche sulla scia di una tradizione militante nel sociale che affonda le sue radici negli anni Settanta), ha dei limiti piuttosto evidenti proprio per quel che concerne la definizione artistica: le manifestazioni che contengono al loro interno la componente arte-decrescita hanno paradossalmente scarsi collegamenti tra loro e rimangono generalmente circoscritte a realtà locali. Inoltre l’intenzionale indipendenza da alcuni codici dominanti si traduce spesso in una dimensione ludica, spontaneista, di tipo amatoriale, in cui l’aspetto pionieristico di un’idea alternativa di arte, creatività e cultura si stempera e si banalizza, perdendo specificità e mordente. E’ evitato un confronto diretto tra la nozione di decrescita (con le sue articolazioni) e quella di arte contemporanea (con le sue affascinanti e difficili contraddizioni); un confronto che sarebbe importante affrontare nella sua specifica complessità, non facile ma sicuramente estremamente stimolante e significativa nel contesto dell’oggi.